Si informa che l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) ha istituito il Bonus sociale idrico a favore dagli utenti del servizio acquedotto che versano in condizioni di disagio economico.

Chi può richiedere il bonus idrico?

  1. L’utente diretto (ovvero il titolare di fornitura idrica) e l’utente indiretto (ovvero la famiglia che vive in un condominio anche senza un proprio contratto di fornitura idrica) che abbiano un ISEE inferiore a 8.107,5 euro o inferiore a 20.000 euro, per nuclei con più di 3 figli a carico;
  2. I titolari di Carta Acquisti e Carta ReI.

In cosa consiste il bonus idrico?

Il bonus idrico consiste nel riconoscimento di uno sconto a valere sul servizio acquedotto pari al costo di 18,25 mc annui (equivalenti a 50 litri al giorno, cioè il quantitativo minimo stabilito per legge per il soddisfacimento dei bisogni essenziali) per ciascun componente familiare. Lo sconto verrà erogato in bolletta all’utente diretto e mediante bonifico bancario, all’utente indiretto.

Come richiedere il bonus idrico 2018?

Dal 1° luglio 2018 gli aventi diritto possono richiedere il bonus idrico 2018 al proprio Comune di residenza (o ai CAF delegati dal Comune).  Non saranno accolte domande presentate a LTA o mediante altri canali. Le utenze con approvvigionamento autonomo (pozzo artesiano privato) non possono beneficiare del bonus idrico.

Modulistica

A breve verrà messo a disposizione un apposito modulo, predisposto dall’ARERA, per agevolare la presentazione della domanda di bonus idrico al proprio Comune.

Per maggiori informazioni chiamare il numero verde 800 01 39 40 oppure rivolgersi al proprio Comune di residenza.

Comunicato Bonus idrico ARERA (https://www.arera.it/it/com_stampa/17/171222.htm)