Livenza Tagliamento Acque S.p.A. è stata costituita in data 12 dicembre 2014, nasce dalla fusione tra Acque del Basso Livenza S.p.A. e CAIBT S.p.A., ricevendo nella totalità l’eredità tecnica, economica e finanziaria delle due Società, successivamente in data 15 dicembre 2017 la società Sistema Ambiente Srl si è fusa, per incorporazione, in Livenza Tagliamento Acque SpA.

L’area geografica in cui opera attualmente L.T.A. S.p.A. è costituita dai seguenti comuni nella Città Metropolitana di Venezia: Gruaro, Teglio Veneto, Fossalta di Portogruaro, Portogruaro, Caorle (per le sole frazioni di Castello e Brussa), San Michele al Tagliamento, Concordia Sagittaria, San Stino di Livenza, Annone Veneto, Pramaggiore e Cinto Caomaggiore più Meduna di Livenza in Provincia di Treviso. Per quanto concerne l’area friulana (Provincia di Pordenone) vengono gestiti i servizi nei Comuni di: Morsano al Tagliamento, Cordovado, San Vito al Tagliamento, Sesto al Reghena, Chions, Pravisdomini, Pasiano di Pordenone, Azzano Decimo, Fiume Veneto, Zoppola, Casarsa della Delizia, Valvasone-Arzene, San Martino al Tagliamento, San Giorgio della Richinvelda, Brugnera, Cordenons, Cavasso Nuovo, Fanna, Fontanafredda, Frisanco, Maniago, Meduno, Porcia, Prata di Pordenone, Sacile, San Quirino, Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto, Vajont, Vivaro.
Nell’arco dell’anno solare viene erogata l’acqua destinata al consumo umano per le esigenze di circa 293.500 abitanti residenti ed inoltre, nel periodo stagionale, agli utenti suddetti si aggiungono le presenze turistiche che interessano la località balneare di Bibione per un numero pari a circa 6.000.000 di presenze turistiche/anno.
Le principali fonti di approvvigionamento idrico trovano ubicazione in località Savorgnano, nel Comune di S. Vito al Tagliamento, dove sono presenti 7 pozzi ed in località Torrate nel Comune di Chions dove sono ubicati 20 pozzi; qui mediante delle centrali di sollevamento viene prelevata l’acqua dalle sottostanti falde artesiane che per caratteristiche peculiari soddisfa naturalmente i requisiti di potabilità, imposti dalla vigente normativa, senza trattamenti aggiuntivi di tipo chimico o fisico.
Inoltre nel territorio gestito da L.T.A. S.p.A. sono presenti altri 67 pozzi di capacità inferiore rispetto a quelli presenti a Savorgnano e Torrate e che, nella maggioranza dei casi, soddisfano le esigenze dei così detti acquedotti di quartiere.
Mediamente L.T.A. S.p.A. fattura ogni anno 18.600.000 metri cubi d’acqua, fornita con una rete tecnologica che si sviluppa in modo capillare nel territorio dei vari Comuni associati per una lunghezza di circa 3070 Km.
Sono presenti inoltre 68 serbatoi di accumulo con una capacità totale di circa mc. 50.000; nel periodo estivo per fare fronte alle richieste idropotabili del centro turistico balneare di Bibione vengono utilizzati i locali serbatoi di stoccaggio (n°2) con una capacità di 20.000 metri cubi.
L.T.A. S.p.A. gestisce, inoltre, i servizi di fognatura, la cui rete si estende per circa 1.601 km, ed i relativi impianti di sollevamento, pari a n° 243, dei sopraccitati comuni;
Nell’ambito della gestione del servizio idrico integrato L.T.A. S.p.A. provvede anche alla conduzione degli impianti di depurazione delle acque reflue per un totale di n° 139 impianti; il più importante in termini di dimensioni e complessità, è l’impianto di Bibione, del tipo biologico a fanghi attivi, con una potenzialità di 150.000 abitanti equivalenti.
L.T.A. S.p.A. assicura la gestione e conduzione del servizio idrico integrato avvalendosi di una propria struttura di personale specializzato, dotata di mezzi idonei e organizzata per l’esperimento delle funzioni e di tutte le attività principali connesse al servizio medesimo.